Vino e antipasti: gli abbinamenti ideali

0
3363

Abbinare un vino agli antipasti è sempre difficile, soprattutto se il menù non prevede una scelta precisa, ma tende a proporre diverse portate con caratteristiche diverse una dall’altra. Per non parlare degli antipasti serviti a buffet, con ampia e svariata scelta, anche di accostamenti, che non sempre trovano una rispondenza univoca con un’etichetta. Come comportarsi in queste situazioni? Nel caso di antipasti a buffet la scelta migliore resta un Metodo Classico Brut. Anche se non si abbinerà perfettamente con tutto, accompagnerà mediamente bene un piatto di antipasti in cui spesso convivono salumi, verdure e pesce. Sarà una scelta di compromesso, ma che garantirà un abbinamento piacevole, anche in considerazione del fatto che, solitamente, delle buone bollicine piacciono a tutti.

Scendiamo ora un po’ più nel dettaglio e cerchiamo di analizzare i vari tipi di antipasti, indicando quali vini siano più adatti ad accompagnarli. Cominciamo dagli antipasti freddi di mare. Un classico, soprattutto nella stagione estiva.

image
  • Tra gli antipasti più prestigiosi e ricchi d’allure, sicurante ci sono le ostriche e il caviale. Le ostriche, oltre ad avere un’importante componente salina, quasi salmastra, al palato presentano anche una certa succulenza e grassezza. L’abbinamento territoriale classico è con il Muscadet-Sèvre-et-Maine, un bianco fresco e piacevolmente fruttato della zona di Nantes, prodotto con il vitigno melone de Bourgogne. In alternativa si possono scegliere uno Chablis o Franciacorta Brut Blanc de Blanc, meglio ancora se un Satèn millesimato, che avrà anche la lunghezza gustativa per sposarsi perfettamente con il sapore intenso delle ostriche. Il caviale è caratterizzato da un’importante persistenza aromatica, abbinata alla morbidezza tipica delle uova di pesce. Serve un vino di bella profondità e viva freschezza, che lasci un senso di pulizia in bocca. Un Metodo Classico Pas Dosé Millesimato sarà perfetto.
image
  • Per accompagnare crostacei crudi o al vapore, che hanno buona consistenza e una leggera tendenza dolce, soprattutto se si tratta di aragosta e gamberoni, serve un vino profumato, fresco e leggermente aromatico. Una Malvasia Istriana, un Sauvignon Blanc o un Sancerre, saranno in grado di creare il giusto connubio gustativo.
image
  • La classica insalata di mare, presenta una certa morbidezza di gusto e l’untousità dell’olio. Per contrastare queste tendenze, sceglieremo un bianco fresco e di media struttura, come un Gavi, un Lugana o un Vermentino dei Colli di Luni. Con un’insalata di polpo, più saporita e di maggior struttura, sceglieremo un classico abbinamento territoriale con una Falanghina dei Campi Flegrei o del Sannio.
image
  • Un buon Lugana o un Custoza, saranno particolarmente adatti ad accompagnare antipasti a base di pesce d’acqua dolce, ad esempio un classico carpaccio di trota. I carpacci di pesce spada, ricciola e salmone si possono abbinare a un Metodo Classico Brut. Più complesso è l’abbinamento con il salmone affumicato, che ha persistenza e aromaticità importante. Avrà bisogno di sposarsi con vini di buona intensità, come uno Chablis o un Gewürztraminer giovane fresco e non troppo fruttato.
image
  • Con le insalate russa, capricciosa, o comunque a base di uova, maionese o tonno, serve un vino che bilanci la tendenza grassa. Un metodo Metodo Classico Extra Brut sarà l’ideale per pulire la bocca e rinfrescare il palato.
image
  • Per capesante e in genere frutti di mare gratinati, che hanno una polpa piuttosto importante e saporita, sarà una buona scelta uno Chablis o uno Chardonnay giovane, che uniscono profumi e aromi importanti con bella freschezza.
image
  • Per accompagnare un sauté di cozze e vongole, sapido e saporito, va benissimo un bianco di buona struttura come un Soave o un Verdicchio dei Castelli di Jesi, che sarà anche perfetto per accompagnare delle olive all’ascolana.
image
  • Gli antipasti di verdure, piccoli sformati o soufflé, in generale hanno un gusto piuttosto delicato e si possono abbinare a bianchi abbastanza leggeri e profumati, come Sauvignon Blanc, Sylvaner o un Riesling giovane.
image
  • I fritti all’italiana differiscono da regione a regione, ma hanno in comune una certa untuosità, che può essere ben contrastata da un Metodo Classico Brut.
image
  • Gli antipasti all’italiana con salumi misti sono un altro classico. Un tagliere d’insaccati si caratterizza per grassezza, sapidità e note speziate. Dovremo scegliere un vino rosso non tannico e di buona acidità. Potrebbero andar bene un Lambrusco di Sorbara, una Schiava dell’Alto Adige. In alternativa dei vini rosati: un Castel del Monte, un Alezio, un Garda, un Bardolino Chiaretto o un Cerasuolo d’Abruzzo. Con crostini al lardo, ideale sarà un vino di grande freschezza, che pulisca il palato, come un Blanc de Morgex e de la Salle. Con il prosciutto crudo di San Daniele, l’abbinamento classico territoriale è con un buon Friulano, che saprà ben bilanciare il gusto intenso del prosciutto. Il culatello di Zibello, infine, troverà un perfetto abbinamento con una Malvasia dei Colli Piacentini.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.